Esame di stato per ingegnere, facciamo chiarezza

 

SCOPRI LA POLIZZA PROFESSIONALE PER INGEGNERE

 

Esame di stato per ingegnere, in quanti lo superano?

Per esercitare la professione di ingegnere è necessario il superamento dell’esame di stato.

Tutti gli anni si svolge l’esame per l’abilitazione alle professioni regolamentate indetto dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca con apposita Ordinanza ministeriale.

La riforma introdotta dal DPR n. 328/2001 ha istituito due livelli distinti a cui corrispondono due distinte sezioni negli Ordini Professionali:

  • sezione A: cui si accede con il titolo di laurea magistrale, specialistica o quinquennale vecchio ordinamento;
  • sezione B: cui si accede con il titolo di laurea o con il diploma universitario, con il titolo di laurea specialistica/magistrale e quinquennale vecchio ordinamento.

Le sezioni sono a loro volta ripartite nei seguenti settori:

  1. civile e ambientale;
  2. industriale;
  3. dell’informazione.

 

Ma quanti sono gli ingegneri in Italia?

Sono circa 240.000 gli ingegneri regolarmente iscritti all’Albo e negli ultimi anni si è vista una notevole crescita delle iscrizioni.

Nello specifico si tratta di circa 230.000 iscritti alla sezione A e circa 10.000 alla sezione B.

La parte più rilevante degli iscritti all’albo è formata dagli ingegneri meridionali che costituiscono il 40,5% del totale (limitando ai soli ingegneri iuniores si arriva a sfiorare il 50%).

La regione con il maggior numero di iscritti resta però la settentrionale Lombardia (oltre 30.000), seguita dal Lazio (circa 28.000) e Campania (circa 26.700 iscritti).

Anche se in crescita rispetto agli anni passati, attualmente le donne iscritte all’albo professionale degli ingegneri sono ancora una minoranza (circa 36.000).

esame ingegnere
esame ingegnere

Quali sono le prove e come si svolge l’esame di stato per ingegnere?

L’esame di stato per ingegnere è in parte scritto ed in parte orale.

  1. Prima prova scritta: dura 4 ore e verte sulle materie caratterizzanti il settore per il quale è richiesta l’iscrizione. Essa consiste nello svolgimento di un tema su di un argomento di carattere generale che riguarda diversi aspetti del settore.
  2. Seconda prova scritta: dura anch’essa 4 ore ed è relativa alle materie caratterizzanti la classe di laurea specialistica (o ambito disciplinare per la Sezione B). Anche in questo caso, consiste nello svolgimento di un tema che riguarda i diversi aspetti di una classe di laurea specialistica (o ambito disciplinare).
  3. Prova orale: riguarda le materie oggetto delle prove scritte e tende ad accertare le conoscenze del candidato anche nell’ambito della legislazione e della deontologia professionale.
  4. Prova pratica di progettazione: dura 8 ore ed è relativa alle materie caratterizzanti la classe di laurea specialistica (o ambito disciplinare per la Sezione B) e consiste nella realizzazione di un progetto.

Le prove hanno l’obiettivo di accertare l’organica preparazione di base del candidato nelle discipline in cui la conoscenza è necessaria per l’esercizio della professione di Ingegnere ed a saggiare, in concreto, la sua capacità tecnica in vista dell’adeguato svolgimento delle attività professionali.

I voti delle prove non fanno media tra loro: Il candidato viene ammesso alle prove successive alla prima ed ottiene l’idoneità quando ha raggiunto i 6/10 dei voti in ogni singola prova.

 

Quanti sono i candidati che superano l’esame di stato di ingegnere?

La percentuale di candidati che supera le prove conseguendo l’abilitazione, a livello nazionale, è particolarmente elevata. Si parla di circa l’85% tra i candidati della sezione A e del 80% tra quelli della sezione B.

L’esame per gli ingegneri non sembra dunque rappresentare una barriera per l’accesso al mercato, sicuramente meno di quanto lo è per gli esami di stato di altre professioni.

Se andiamo ad analizzare i dati a livello regionale esiste, tuttavia, una significativa disparità nei tassi di successo. Sembra infatti che superare l’esame sia più facile in alcune regioni d’Italia. Se nelle regioni del Centro-Sud la quota di promossi alle prove per l’accesso alla sezione A supera abbondantemente il 90%, nelle regioni settentrionali scende sotto la soglia del 78%. Emblematico è il caso del Politecnico di Milano con un tasso di successo di poco superiore al 70% rispetto, ad esempio, a Cagliari con una percentuale di circa il 97%.

 

E se supero l’esame di ingegnere?

La prima cosa da sapere per un giovane ingegnere è che in quanto professionista abilitato è tenuto a contrarre una polizza assicurativa RC professionale (D.P.R. 137/2012- 14/08/2012).

L’assicurazione di Responsabilità Civile professionale tutela il professionista dai rischi che possono manifestarsi durante lo svolgimento della sua attività lavorativa, proteggendo così il suo patrimonio da eventuali richieste di risarcimento danni.

Questo tipo di polizza risarcisce il cliente dal danno di natura economica che il professionista potrebbe provocare in modo involontario, per un errore o una dimenticanza, nell’esercizio della sua attività lavorativa.

I premi assicurativi per questo tipo di polizza possono essere anche molto convenienti, puoi provare a fare subito un preventivo qui.

SCOPRI LA POLIZZA PROFESSIONALE PER INGEGNERE

 

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Comments

comments