La pensione sarà da fame? I perché della polizza LTC

 

SCOPRI LA POLIZZA LTC CON GIVEBACK

 

La pensione? Sarà tarda e misera: ecco perché stipulare una polizza LTC

Hai mai sentito parlare dell’assicurazione LTC, ovvero della polizza Long Term Care? Se la risposta è no, molto meglio colmare questa lacuna il prima possibile: scopri perché!

 

Conti alla mano, stipulare una polizza LTC potrebbe essere un’ottima idea. In Germania, in Francia e negli Stati Uniti questa assicurazione è molto diffusa, mentre in Italia sta iniziando a crescere solo in questi ultimi anni. Eppure, a ben guardare la situazione attuale, le assicurazioni LTC dovrebbero riscontrare una fortuna molto maggiore. Perché? Perché guardando al futuro il supporto di un’assicurazione Long Term Care sembra quasi indispensabile.

 

I quarantenni e i trentenni di oggi – per non parlare dei ventenni – rischiano infatti di andare in pensione molto, molto tardi, e con degli assegni pensionistici bassi, decisamente più bassi rispetto a quelli percepiti attualmente dai rispettivi genitori e nonni. Chi lo dice? Lo dice già da anni l’Ocse con degli studi specifici, e ha paventato uno scenario simile persino Tito Boeri, già nel 2015, quando si parlava di un futuro pensionamento oltre i 75 anni di età. È una visione pessimistica? Certo. Eppure ci sono degli studi Censis che dimostrano come i ventenni e trentenni di oggi con una vita lavorativa normale, con uno stipendio di circa 1.000 euro, rischieranno di andare in pensione con poco più di 500 euro al mese.

Ecco quindi che entra prepotentemente in gioco la possibilità di stipulare una polizza LTC. Ma che cos’è, e come funziona?

LTC
LTC

Assicurazione LTC: che cos’é?

Saremo brevi. Anche perché, guardando al nostro attuale sistema pensionistico, c’è ben poco tempo da perdere in chiacchiere. La polizza assicurativa Long Term Care viene stipulata per avere la garanzia di ricevere un’indennità nel momento in cui non si sarà in grado di badare a sé stessi, a causa della vecchiaia, di una malattia o di un infortunio. Nella maggior parte dei casi l’assegnazione di una simile indennità è ovviamente necessaria in tarda età, ed è per questo motivo che la questione della polizza LTC si lega a doppio filo con quella della pensione: chi è destinato ad andare in pensione con un assegno mensile medio o basso non potrà infatti permettersi tutte le cure e il supporto del caso nell’eventualità di una perdita dell’autosufficienza.

 

In passato una polizza come l’assicurazione LTC poteva avere poco senso, per tanti motivi. Ma oggi abbiamo a che fare con l’aumento della vita media, con l’abbassamento degli assegni pensionistici, con il disgregarsi dei nuclei familiari: una polizza assicurativa di questo tipo per la vecchiaia, a partire da questi presupposti, diventa estremamente preziosa. Un’assicurazione LTC permette infatti di guardare al futuro – quello che oggi ci sembra così lontano – in modo rilassato, senza avere il timore di arrivare alla sospirata, desiderata, sognata pensione per ritrovarsi magari in una spiacevole situazione di ristrettezze economiche, a causa della non autosufficienza.

 

Ma chi ha diritto di ricevere l’indennità prevista dalla polizza LTC?

Come abbiamo visto, l’assicurazione Long Term Care prevede il pagamento posticipato di una rendita mensile, al momento del verificarsi di una condizione di non autosufficienza. Si parla di assegni mensili che possono variare tra i 500 e i 2.000 euro. Resta da capire quando una persona viene considerata non autosufficiente, così da poter ricevere l’indennità prevista dall’assicurazione LTC: Per essere considerata non autosufficiente una persona deve trovarsi nell’impossibilità fisica permanente di poter compiere in modo autonomo almeno tre delle quattro azioni quotidiane elencate nella polizza LTC, ovvero lavarsi, nutrirsi, muoversi e vestirsi.

 

SCOPRI LA POLIZZA LTC CON GIVEBACK

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

 

Comments

comments