Quando si sottoscrive una polizza assicurativa si firma un contratto tra privati, così come regolato dal Codice Civile agli articoli 1882, 1890, 1891 e 1919-1921. Ma quali sono i soggetti coinvolti?                                                                                           Le figure principali sono il contraente, il beneficiario, l’assicurato e la compagnia assicuratrice.

Quest’ultima, detta anche impresa di assicurazione è una società regolarmente autorizzata dall’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) ad esercitare l’attività assicurativa, ovvero quell’attività che “consiste nell’eliminare una situazione di incertezza che grava su chi sia sottoposto ad un determinato rischio”.

L’assicurato


L’assicurato
è il soggetto esposto al rischio, titolare dell’interesse economico che viene protetto dalla polizza (auto, casa, vita). È su questo interesse economico che la compagnia è obbligata dal contratto di assicurazione. Si tratta, insomma, del soggetto che l’impresa di assicurazioni tutela da un rischio specifico (se si tratta ad esempio di una polizza contro i danni); oppure è il soggetto per la morte o la sopravvivenza del quale la compagnia si impegna a versare un capitale o una rendita, se le condizioni previste dal contratto di polizza si verificano (questo è il caso dell’assicurazione sulla vita).

Ovviamente, come già visto, l’assicurato può non coincidere con il contraente, mentre, nelle assicurazioni sulla vita, può essere anche diverso dal beneficiario.

 

Il contraente

Il contraente dell’assicurazione è colui che stipula la polizza (ovvero il contratto di assicurazione) con la Compagnia assicuratrice. Egli, con la firma del contratto, si obbliga a pagare il premio e in cambio acquisisce il diritto di indicare l’assicurato e il beneficiario dell’assicurazione.

Nonostante risulti il titolare della polizza, il contraente dell’assicurazione non ha né influenza  sull’attestato di rischio, il quale rimane vincolato al proprietario del mezzo. Ed è sulla base di questo attestato di rischio che, in parte, viene calcolato il premio da pagare.

 

Il beneficiario

È il contraente ad indicare, tramite la cosiddetta designazione beneficiaria, chi sarà il beneficiario della polizza, nel caso in cui si verifichino il sinistro, l’evento o il rischio che sono stati assicurati.

 

Visita il nostro sito per scoprire le ultime polizze cliccando qui

Comments

comments

Articolo precedenteValore assicurabile
Articolo successivoIl beneficiario
Laureato in Economia con un Master in Management, ha maturato esperienze professionali in consulenza (Bain & co.), finanza (UBS Investment Bank) e nel marketing (L’Oréal, Mondelez) prima di entrare "quasi per caso" nel settore assicurativo come broker. Appassionato di innovazione e insurtech, è docente a contratto presso la Business School ESCP Europe e co-fondatore di Axieme, la prima social insurance in Italia.