Responsabilità civile: il pedone non ha sempre ragione

Responsabilità civile: il pedone non ha sempre ragione

Sapevate che “In materia di responsabilità civile da sinistri derivanti dalla circolazione stradale, in caso di investimento di pedone la responsabilità del conducente è esclusa quando risulti provato che non vi era da parte di quest’ultimo alcuna possibilità di prevenire l’evento”?

In altre parole qualora ad un automobilista accadesse di investire un pedone a causa di un comportamento imprevedibile e anomalo dello stesso, l’autista risulterebbe sollevato dalla responsabilità civile dell’incidente. Lo ha stabilito una sentenza della corte di cassazione in occasione di un ricorso presentato dagli eredi di una vittima di incidente stradale, deceduta per essere stata investita da un automobilista che, secondo la cassazione stava seguendo tutte le regole del codice della strada e si trovava impossibilitato ad evitare l’impatto.

L’ordinanza recita:

In materia di responsabilità civile da sinistri derivanti dalla circolazione stradale, in caso di investimento di pedone la responsabilità del conducente è esclusa quando risulti provato che non vi era da parte di quest’ultimo alcuna possibilità di prevenire l’evento, situazione questa ricorrente allorché il pedone tenga una condotta imprevedibile ed anomala, sicché l’automobilista si trovi nell’oggettiva impossibilità di avvistarlo e comunque di osservarne i tempestivi movimenti; tanto si verifica quando il pedone appare all’improvviso sulla traiettoria del veicolo che procede regolarmente sulla strada, rispettando tutte le norme della circolazione stradale e quelle di comune prudenza e diligenza incidenti con nesso di causalità sul sinistro.

(Cassazione civile, sez. VI-3, sentenza 22 febbraio 2017, n. 4551)

Cosa significa essere coinvolti in questo tipo di sinistro

Quella che avete letto qui sopra è una sentenza della cassazione. Questo significa che  prima di arrivare all’assoluzione, il conducente ha dovuto affrontare una procedura processuale, che permettesse di dimostrare ufficialmente che non fosse colpevole, ricorrere perciò ad un avvocato e far fronte a delle spese impreviste importanti. Forse non tutti sanno che esiste una protezione per le spese impreviste in caso di contenzioso: la copertura di Tutela Legale.

Insomma, ad ognuno la propria responsabilità, ma bisogna avere i mezzi per potersi difendere. Che siate automobilisti o pedoni, è importante ricordare che la distrazione, anche di brevissima durata, può causare incidenti dalle conseguenze irreparabili e tutelarsi, spesso, può fare la differenza laddove non siate voi i responsabili di un accadimento.

Se state perciò stilando la lista dei buoni propositi per il 2018, ricordate di proteggervi dagli imprevisti e…stare attenti!

Comments

comments