La somma assicurata è la somma versata dal contraente all’assicuratore con la quale quest’ultimo si impegna a risarcire i danni.

Nelle assicurazioni contro i danni, si intende la somma relativa ai beni in sede di stipula del contratto e indicata in polizza, fermo restando che nell’accertare il danno non si può attribuire ai beni danneggiati un valore superiore a quello che avevano al momento del sinistro.

Nel momento in cui si deve assicurare il valore di un bene, è possibile distinguere due diverse ipotesi:

  1. Il valore assicurato: che è esattamente la somma che il contraente versa alla compagnia assicurativa per proteggersi da eventuali danni
  2. Il valore assicurabile: che indica il valore effettivo del bene da assicurare

Facciamo un esempio:

Giacomo possiede un quadro del valore di 500.000€ e decide di assicurare il quadro contro eventuali danni. Giacomo però decide di assicurare il suo quadro per soli 150.000€. In questo caso i 150.000€ corrispondono al valore assicurato, mentre i 500.000€ al valore assicurabile

E’ bene considerare che il valore assicurato e assicurabile dovrebbero essere uguali perchè altrimenti si verrebbero a creare i cosiddetti casi di sottoassicurazione e soprassicurazione.

 

 

 

 

 

Comments

comments