Startup ai tempi del Coronavirus: 14 storie di imprese che cambiano

Nel corso di una diretta Facebook andata in onda il 19 aprile 2020, Michele Franzese ha intervistato 14 founder di alcune tra le start-up più innovative e dinamiche dell’ecosistema per sapere come stanno reagendo alla crisi.
Un’intervista a distanza, insieme a chi ha nel sangue l’innovazione e la voglia di fare impresa per comprendere le dinamiche del cambiamento e per farci ispirare in vista dei prossimi, difficili, mesi.

Gli ospiti sono stati:
Enrico Pandian, FrescoFrigo
Edoardo Monaco, Axieme
Cristina Angelillo, Marshmallow games
Michele Cesario, ComeHome
Luca Della Croce, Abiby
Patrizio Donnini, Keesy
Matteo Musa, FitPrime
Fabrizio Perrone, Buzzoole
Marco Porcaro, Cortilia
Joshua Priore, WorldZ
Paolo Privitera, Evensi
Chiara Rota, MyCookingBox
Jacopo Sebastio, Velasca
Massimiliano Squillace, Notizie.it

Ecco un estratto dell’intervento durante la staffetta live del nostro CEO Edoardo Monaco che ci spiega il ruolo di Axieme nella trasformazione digitale del settore assicurativo:

La pandemia di Coronavirus e la conseguente crisi economica rischiano di mettere in ginocchio un intero ecosistema, quello delle start up e dell’innovazione. Allo stesso tempo però rappresentano una sfida eccezionale per un’intera generazione di imprenditori.
Alcuni settori vivranno una vera e propria esplosione, come quelli legati alla salute e alla tecnologia, laddove altri vedranno erodere in maniera significativa la domanda: pensiamo ad esempio a tutte le start-up italiane che lavorano nel turismo, dove si paventa, per il 2020, un calo di fatturato pari al 75%.
Tutti, inevitabilmente, saranno costretti a cambiare piani di sviluppo, di fundraising, di gestione del team e dei progetti, di approvvigionamento di prodotti e servizi fino ad arrivare a modificare il proprio business model se necessario.
Ma nelle ossa di chi fa start-up c’è già tutto questo, nel mindset degli startupper è già “embeddato” il plug-in dell’adattamento. Fin dall’inizio della loro avventura sapevano che avrebbero avuto a che fare con l’incertezza, con il cambiamento, con la scarsità di risorse, con la sperimentazione continua, con la negoziazione indefessa e con l’essere naturalmente in smart working.

 

GUARDA L’INTERVISTA COMPLETA

Altri articoli che potrebbero interessarti:

 

Comments

comments

Articolo precedenteItalian Insurtech Association
Articolo successivoAssicurazione consulente marketing
Laureato in Economia con un Master in Management, ha maturato esperienze professionali in consulenza (Bain & co.), finanza (UBS Investment Bank) e nel marketing (L’Oréal, Mondelez) prima di entrare "quasi per caso" nel settore assicurativo come broker. Appassionato di innovazione e insurtech, è docente a contratto presso la Business School ESCP Europe e co-fondatore di Axieme, la prima social insurance in Italia.