Islam e assicurazioni Takaful: un mercato pronto a decollare

Islam e assicurazioni Takaful: un mercato pronto a decollare

Takaful è una parola araba, il cui significato si può sommariamente tradurre con le espressioni solidarietà e mutua garanzia.

Se da un punto di vista linguistico potrebbe bastare dire questo, dal punto di vista della applicazione nel mondo assicurativo può invece essere importante sviscerare bene l’argomento: stiamo infatti parlando di un versante del mondo assicurativo che ha fatto registrare un giro di affari di 20 miliardi di dollari dalla sua nascita alla fine del 2017, e che supererà i 50 nel 2020.

Abbi fede, ma solo dopo esserti cautelato

Per iniziare a parlare delle Takaful si può citare un simpatico passaggio della Sunna che spiega molto bene le origini del bisogno di sicurezza, insito in ogni essere umano.

Un Maestro di meditazione era in viaggio con uno dei suoi discepoli, il quale aveva il compito di occuparsi del loro cammello. Una notte il discepolo si dimenticò di legare il cammello, che l’indomani mattina era scomparso.

Il Maestro chiese: «Cos’è successo al cammello? Dov’è?»
Il discepolo rispose: «Non lo so. Chiedi ad Allah, perché avevo chiesto a Lui di prendersene cura […]».
Il maestro replicò: «Abbi fiducia in Allah, ma prima lega il tuo cammello.»

Vi ricorda qualcosa? 😉

Arrivano le Takaful: assicurazioni islamiche di mutualità

Va bene dunque avere fiducia in un’entità più grande di noi, meno averne così tanta da credere che un suo intervento possa rimediare alle nostre distrazioni. A proteggersi, innanzitutto, devono pensarci le persone.

Takaful è la parola che designa il modello assicurativo islamico, ed è un qualcosa che appartiene a una ristretta cerchia di Paesi tra Europa dell’est, medio oriente e Africa.

Si differenzia dal mondo assicurativo tradizionale in modo paradossale: tornando ai suoi albori. I principi di base sono infatti quelli di mutua assistenza e di cassa comune. Si pone, in pratica, come un fondo di investimento dal quale un partecipante può richiedere assistenza in caso di una necessità preconcordata.

Attualmente le assicurazioni takaful si dividono in due tipologie di prodotto: quella generale (General Takaful) e quella familiare (Family Takaful).

Nella General Takaful possiamo trovare tutto ciò che riguarda protezione delle proprietà e la responsabilità civile. Il modello prevede che una parte del premio assicurativo venga restituito ai contraenti che non abbiano ricevuto indennizzi durante il periodo di copertura.

Il modello delle Takaful è quindi molto simile alla logica sottostante il modello del giveback di Axieme.

Nella Family Takaful trovano spazio invece le assicurazioni sugli infortuni e sulla vita.

Queste tipologie di assicurazione, seppur presentino notevoli vantaggi e permettano un risparmio significativo per gli assicurati, sono ancora poco conosciute e sfuggono (per ora) ai radar del mercato finanziario, principalmente per due motivi.

1) È un prodotto islamico per utenti islamici

Nato con l’esigenza di avere un modello assicurativo compatibile con i principi della Shari’a, le Takaful hanno perciò intercettato le specificità di una nicchia che, per quanto grande, rimane chiusa o difficilmente accessibile dal mondo occidentale.

La Shari’a respinge infatti la cosiddetta ribā, ovvero l’interesse generato da investimenti di denaro, e la gharar, ovvero l’azzardo e dunque un qualcosa che prometta incassi elevati con troppa facilità.

Se si evitano questi due scogli si è in linea con i principi della Shari’a, e le assicurazioni tradizionali non lo sono proprio perché non restituiscono in alcun modo i premi assicurativi a chi non abbia avuto sinistri, ma li reinvestono in operazioni commerciali che interessano solo i profitti delle compagnie.

In questo modo si verificano entrambe le condizioni vietate dal Corano, perché se da una parte gli investimenti di denaro generano dunque un interesse, dall’altra la compagnia sta scommettendo sul fatto che i premi incassati e il successo delle operazioni commerciali a cui saranno destinati basteranno a coprire i risarcimenti che, da contratto, sarà tenuta a pagare.

2) È un prodotto frammentario

Girare per le strade delle grandi città del mondo arabo, sia a piedi sia in macchina, è come tuffarsi di testa in un brodo primordiale. I suq, ovvero gli strettissimi vicoli dei mercati, sono estremamente frammentari e dispersivi.

Takaful Suq

Orientarsi è difficile sia da un punto di vista geografico sia figuratamente e le Takaful riflettono questa frammentarietà e questo caos.

Molte delle regole su cui è basato il modello rappresentano infatti delle zone grigie piuttosto ampie, sulle quali ogni attore interviene secondo la propria interpretazione.

Le Takaful: dal concetto all’implementazione di un business miliardario

Riportando l’assicurazione alla sua radice idealistica di “cassa comune per il mutuo soccorso”, il Takaful riesce nel paradosso di innovare attingendo dal passato.

Quando si parla di Takaful, si parla di un business che dalla sua nascita, datata 1979, è stato capace di generare introiti per oltre 20 miliardi di dollari, ed è destinato a raggiungere un giro di affari da oltre 50 miliardi entro il 2020.

Islam e assicurazioni Takaful: un mercato pronto a decollare 1

L’impatto del modello previdenziale islamico nel mondo finanziario costringe anche il mondo occidentale a fare i conti con un nuovo concetto di assicurazione: un concetto che vada nella direzione di una maggiore interazione fra compagnia e assicurato, e nella quale quest’ultimo si senta effettivamente protetto e consapevole di avere, alle proprie spalle, un muro di persone disposte ad aiutarlo.

Le Takaful vanno inoltre approfondite per la propria peculiarità di assegnare una certa dose di responsabilità a chi ne fa uso: essendo infatti una questione collettiva, le frodi e le truffe non andrebbero a scapito di un solo – ricco – padrone, quanto a tutta una collettività.

Attraverso la diffusione di questo modello si è riusciti non soltanto a limitare le truffe in questo settore, ma soprattutto ad aprirlo alle più disparate innovazioni.
È un’altra analogia con il modello di Axieme, che attraverso il meccanismo delle cerchie e del giveback previene comportamenti scorretti e fraudolenti.

Takaful

Le compagnie assicurative più lungimiranti hanno già iniziato a integrare nei loro business plan delle divisioni Takaful, ma il lavoro da fare per mettersi al passo con questo tipo di offerta è ancora molto e lo stesso team Axieme sta collaborando alla realizzazione di offerte adeguate ad un mercato dal forte potenziale (solo in Europa le persone di fede islamica sono più di 25 milioni).

Nel Regno Unito ci sono leggi ad hoc per questo modello, e sono stati addirittura introdotti titoli di Stato coerenti coi principi della Shari’a.

Questo excursus vale a precisare come il Takaful vada a incasellarsi in un sistema finanziario articolato e organico, quello islamico, che ha raggiunto vette tali da iniziare ad essere appetibile anche al di fuori degli schemi religiosi.

Comments

comments